itQuesta pagina e stata tradotta automaticamente. Ci scusiamo per eventuali errori.
Twitter
Facebook
Google Plus
Youtube
RSS SiteRSS Blog
News Letter
Itinerario Scalate Itinerari GR Himalaya Isole Via Ferrata Altre Per Zona Immersioni Vedi tutti gli itinerari su Google Maps
Crea il tuo itinerario Contatti Chi Siamo Foro Entre Montaņas Blog Entre Montaņas
 Parque Natural del Desert de les Palmes...
cargando..
Cargando Google Maps...
Dove sono:   Home > Altro > Parque Natural del Desert de les Palmes
Torna

Hoja  Parque Natural del Desert de les Palmes...





Il Parco Naturale del Deserto de les Palmes si trova nella provincia di Castellón e occupa da cinque comuni. Benicassim, Cabanes, La Pobla Tornesa Borriol e Castelló de la Plana

E 'situato in una catena montuosa costiera nella regione di Alta Plana, parallela alla costa, con molti picchi e dirupi.

La sua posizione geografica lo rende un posto speciale in cui persone provenienti da diversi comuni provengono tutti i giorni per godersi le ricchezze storiche, naturali e paesaggistiche invitati a osservare, camminare e ascoltare tutti i valori che questa zona naturale si trova.

Di conseguenza, nel 1989 entrō a far parte della rete di aree naturali nella Comunitā Valenciana. L'area protetta si estende su un totale di 3.200 ettari., Raggiungendo il suo apice al culmine della 729 m Bartolo.

La vulnerabilitā ambientale č visibile a causa dis recenti incendi nel 1985 e nel 1992, che ha lasciato con un campione di bosco e macchia nel processo di rigenerazione. Oggi si puō vedere un buon recupero della copertura vegetale.

Č possibile raggiungere il Centro informazioni, il Parco Naturale del Deserto de les Palmes (al km 8, VC-147), in diversi modi:

Sulla strada N-340 in direzione Barcellona, ??Castellon e una volta superato prima di raggiungere la cittā di Benicāssim, la strada CV-147 che passa attraverso la NP Desert de les Palmes e passa diventa Hermitage Magdalena.

Da l'autostrada AP-7, cui si accede tramite l'uscita 46 (Nord-Benicāssim Castellón) e proseguire in direzione Benicāssim.

Da Benicāssim, č possibile accedere al sito sul lato opposto della stessa strada (CV-147) in partenza dal villaggio.

Vi si accede anche dal Parco Naturale Borriol, La Pobla Cabanes Tornesa o il co CV-10 strada che collegan strada a Cabanes CV-148, in questo caso la strada č una strada di campagna e anche se č molto stretta asfaltata.



Resumen de la ruta
lugar Lugar Número de estapas Días Longitud Longitud Desnivel Positivo Desnivel Desnivel Positivo Desnivel Negativo Desnivel Desnivel Negativo Dificultad Dificultad Tipo de ruta
Tipo ruta
Castellón 8 51 Km. 2250 m. 2250 m. Excursiones Independientes


Parque Natural del Desert de les Palmes | Entre Montaņas



Benicāssim - Font Tallā

Salire

Distanza: 5 Km.Dislivello 250 m. - Dislivello 250 m.Tempo: 02:30 h.
Benicāssim - Font Tallā

Questa strada comincia a Benics & aggravamento; SSIM, cammina sulla strada CV-147 che porta alla Area Naturale Desert de les Palmes. Dopo aver attraversato il ponte dell'autostrada a destra č un percorso che continuerā fino a quando un & ntilde;. A dove si gira a sinistra
& Nbsp;
Il terreno predominante in questo settore č chiaramente sil & iacute; ceo o com ANCORA nmente conosciuti come arenaria rossa. Mentre ci avviciniamo al burrone Miravet vegetazione & oacute; n č m & aacute; s abbondante pino (Pinus pinaster), Madro & ntilde apparire; os (Arbutus unedo), caprifoglio (Lonicera implexa), ginepro (Juniperus oxycedrus), che indica la l'umiditā in questo settore.
& Nbsp;
Il percorso termina con la strada che attraversa il canyon Miravet, troviamo il pino d'Aleppo (Pinus halepensis).
& Nbsp;
A seguire la strada asfaltata per raggiungere il carattere intagliato, che si trova a sinistra della strada, da dove possiamo vederli Agulles Santa & aacute; Gueda in tutta la sua pienezza. Le gonne di questa catena montuosa & ntilde; osa sono accompagnati & ntilde; adas di Fantasy & aacute;
elettrodomestici di sughero. & Nbsp;
Tambi & eacute; n puō essere visto in mezzo alla pista, un piccolo & ntilde; un cottage di montagna che serv & iacute, una e magazzino & eacute; nessun rifugio per gli agricoltori locali. Nelle vicinanze della casa sono i resti di un antico boschetto di carbone, vecchio posto č stato prodotto da un processo di combustione di carboidrati & oacute;. N Che č stato utilizzato nella regione


Castillo de Miravet

Salire

Distanza: 3 Km.Dislivello 100 m. - Dislivello 100 m.Tempo: 02:00 h.
Castillo de Miravet

Inizia il nostro viaggio nel Perell Font & oacute;. Per raggiungere la fonte deve andare gių per la gola ea 4 km Miravet trovato un dev & iacute; o che conduce alla sorgente: tutto & iacute; č un pioppo dove lasciamo la nostra veh & iacute; ass. Il sentiero inizia dalla strada sterrata sulla destra, dove possiamo vedere un po 'pių & iacute, una con mandorli e ulivi. Alcuni esemplari di leccio (Quercus ilex), lentisco (Pistacea lentiscus), salsapariglia (Smilax aspera), caprifoglio (Lonicera implexa) sono tracce di umiditā nella zona.
& Nbsp;
AVANTI & oacute; n & ntilde uno č, il diritto ci indica la strada per Los Madro & ntilde; os; Continuiamo a sinistra. La presenza di cause d'acqua in grado di osservare le impronte di diversi mam & iacute; mammiferi: la donnola (Mustela nivalis), cinghiale & iacute; (Sus scrofa), Genet (Genetta Genetta), ratto & oacute; n (Apodemus sylvaticus), Musara & ntilde; a (Greater denti bianchi toporagno) etc. Si Destacato che il palmo della mano o margall & oacute; (Chamaerops humilis), pianta emblema & aacute; tica della campagna in quanto dā il nome al Desert de les Palmes. Abbiamo continuato a salire sulla pista fino a trovare abbandonato le aree di coltivazione in cui vi č ancora una volta la presenza di carrubo (Ceratonia siliqua), olivo (Olea europaea), fico (Ficus carica), serval (Sorbus domestica) e mandorla (Prunus dulcis) .
& Nbsp;
Siamo in grado di vedere come si sale la Sufera e antenne di Monte Bartolo ovest. A pochi metri abbiamo trovato una biforcazione & oacute; n, la traccia per la quale abbiamo seguito il diritto, ma il nostro viaggio continua e uacute; aa direzione e sinistra oacute; n NE. Abbiamo lasciato a destra un altro & iacute; un semi-abbandonato le colture di mandorla; si continua su un sentiero che vedremo. Il sentiero č molto piacevole tra palme nane, erica, ginepro, pino e lentisco, e da qui & iacute; Č possibile guardare il NONpol & iacute; Cabanes zona industriale. Siamo passati da un frutteto di carrubo e, se volgiamo lo sguardo al SW li osserviamo Agulles Santa & Agrave ;. Gueda il Sufera e Bartolo
& Nbsp;
Il sentiero č sempre pių stretto fino a quando siamo a 306 m di altitudine. Da qui & iacute; Ci sono viste spettacolari di El Prat de Cabanes-Torreblanca, Serra d'Irta di direzione & oacute; n NE e di fronte a noi e possiamo fare il Miravet castello. Il terreno sotto i nostri piedi č cambiato per diventare prevalentemente calcareo. Scendi per raggiungere le rovine del castello situato su una mont Miravet & iacute; culo roccioso appartiene alla t & eacute; Cabanes comune (circa 2500 ore ..). Fortezza di origine musulmana & aacute; n era probabilmente un monastero dedicato a monjesguerreros musulmani guerra santa. In un & ntilde; o 1091 fu conquistata e occupata dal Cid. Attorno alle rovine sono i resti di quella che era fue una cittā che scomparve & oacute; nel XVI secolo.


El Bartolo

Salire

Distanza: 5 Km.Dislivello 350 m. - Dislivello 350 m.Tempo: 02:00 h.
El Bartolo

Questo itinerario ci permette di avere una visione & oacute; n generale, le giostre e ntilde; come Desert de les Palmes, rendendo l'ascensione & oacute; alta parco naturale s, la cima del Bartolo, 729 metri sul livello del mare <; na top m & aacute. / p>

L'inizio del percorso est & aacute; sul retro dell'edificio, Information Center & oacute; n, da qui & iacute; lascia una traccia che sale a poco a poco. Intercorre tra una macchia densa e variegata, dove osserveremo diverse specie, & nbsp; cisto (Cistus monspeliensis, C. albidus, C. salvifolius) Madro & ntilde; os (Arbutus unedo), il lentisco (Pistacea lentiscus), ginepro (Juniperus oxycedrus), il rosmarino (Rosmarinus officinalis), etc. In pochi minuti abbiamo trovato un incrocio, ci rivolgiamo & oacute; na Tornesa Pobla. Il percorso termina in una strada sterrata. A questo punto, giriamo a destra, vediamo davanti a noi il potente Mola Morico (694 m.). Abbiamo camminato lungo la pista e circa 300 metri troviamo il tipo di carattere di Molasolitamente non ha acqua. Un po 'di m & aacute; s prendere la pista davanti, girare a destra seguendo l'indicatore unico & oacute;. N Di Bartolo

Da questo punto osserviamo il piatto, Serra d'Swords & porto aggravamento Castell;, & oacute;. Fij & eacute; scimmie in diversi colori che mostrano rocce, Diff & aacute; ndose calcare grigio, rodeno rosso

.

Proseguendo lungo il sentiero di passaggio dal lato di corso Huguet, t & iacute; pica tradizionale edilizia rurale

.

Siamo a un bivio. Entrambi i percorsi ci & aacute conducono; na lo stesso sentiero lastricato. Per continuare fino alla cima continuiamo l'asfalto a sinistra. Tambi & eacute; n che hanno la possibilitā, a quel punto, si inizia la discesa, se si gira a destra e seguire le indicazioni

.

Se scegliamo di andare in cima, scavalcare & nbsp; 1500 m, circa, di lasciare Croce Bartolo a sinistra e raggiungere il belvedere.

Da qui & iacute; Siamo in grado di distinguere i due aspetti della campagna: il Flat e le spiagge, ma anche & eacute; n le montagne & ntilde; come Maestrat, Pla de l'Arc e tutti i villaggi interni Castellon Cabanes, La Pobla Tornesa, Vall d'Alba ecc

East Les Agulles Santa & Agrave; Gueda; Parco Naturale a nord est di El Prat de Cabanes-Torreblanca; Parco Naturale della Sierra Sud ESPAD & aacute; ny nord-ovest Penyagolosa picco. Il d & iacute; come m & aacute; s chiaro che vediamo all'orizzonte, la bella sagoma delle isole Columbretes e il Capo di Sant Antoni, nel Parco Naturale Montgo & oacute ;.

Se andiamo un migliaio di metri lungo la pista, arrivare al punto di m & aacute; s viaggio in alto e tutto il parco naturale, 729 m. Al picco, tra le antenne, si trova l'eremo di San Miguel.

Durante questa passeggiata si puō vedere uccelli come il CERN & iacute; Calos, corvi, e inghiotte upupa, e in funzione del & eacute; pun & ntilde oca, o puō godere di una grande varietā di farfalle e altri insetti

.

Si spera, si puō osservare nel pių alto, custode, guardiano uccello di queste terre, & aacute; l'aquila del Bonelli (Hieraetus fasciatus), considerata & quot; vulnerabili & quot; nella Cat & aacute; logo specie protette

.

& decremento uacute viene effettuata, per la strada, lasciare la nostra strada giusta con la quale avevamo precedentemente concordato l'asfalto. Si prosegue lungo un ripido declino, fino a quando un solo marcatore & oacute; n & aacute per deviare noi; un percorso che arriva alla nostra destra. In questo modo troviamo una fila di pino marittimo (Pinus pinaster), foglie e pi & ntilde; tanto pių grande di pino di Aleppo, che indica che il carattere & iacute; sticas terra sono cambiate mai nella zona di arenaria rossa.

Continuiamo la nostra strada fino alle rovine di un muro durante un & ntilde; os č stata mantenimento dei terreniCarmelitani. In questa nota, m & aacute; in basso s, la

Porter Vella posto


Ermita de Les Santes

Salire

Distanza: 4 Km.Dislivello 150 m. - Dislivello 150 m.Tempo: 02:00 h.
Ermita de Les Santes

Questo percorso inizia alla Ermita de les Santes. Questo santuario est & aacute; Situato nella valle omonima, nella t & eacute; comune di Cabanes. Oggi, il santuario ha un parco giochi e una sorgente di acqua dolce apprezzato dai lugare & ntilde; os

.

Partiremo dal retro della cappella lungo la pista che corre a sud-ovest. Questo brano serve come un lungo tratto di confine Natural Area: quelle aree che saremo alla nostra sinistra & aacute; n integrato nell'area protetta
. & Nbsp;
Il percorso inizia con una leggera salita tra pini e una ricca macchia. Heather, lentisco, Madro & ntilde; os palme e pini fanno di questa una sorta di giungla impenetrabile in molte sezioni. Presto vedremo S & oacute; mo alla nostra destra la vegetazione & oacute; n č stato sostituito da terrazze coltivate di mandorla e carruba principalmente. Alla nostra sinistra la gola diventa m & aacute; s profonda, tra el foresta di pini di pini marittimi grandi ciuffi di felci, piante come il caprifoglio numerosi e sembrano salsapariglia & nbsp; eccetera La pista continua punteggiato da numerosi alberi di quercia, testimoni silenziosi di quella che un tempo erano questi pini.
& Nbsp;
Ben presto si arriva a una delle aree Geol & oacute; m & aacute logicamente; s interessante intorno alla Place. La pista assume un affioramento di liste, gli m & aacute rocce, facile da trovare questi tipi di formazioni; s ex possiamo osservare sulla regione di Valencia, dove non č f & aacute siede. Si tratta di scisti paleozoici, con m & aacute; s 230 milioni di un & ntilde; os di antiquariato & uuml; etā. Alla nostra destra possiamo vedere qualche grande pe & ntilde; & aacute ;. calc avverso detenuti Il Marmudella
& Nbsp;
Arrivo in uno dei punti di m & aacute; s alto del nostro itinerario, a 400 m. s. n. m. E 'il momento giusto per ammirare le vette di Bartolo, THRES verdi & iacute; a partire dal Pobla ele formazioni rocciose suggestive dove si rodeno & ntilde; e
rosso paesaggio. & Nbsp;
Svoltare a sinistra lungo un sentiero tra rovi e noi andiamo pių a fondo nella folta pineta. Alla nostra destra abbiamo scoperto il canalone del Porquereta e inferiore, La Pobla Tornesa.
& Nbsp;
Sulla terra rossa continuiamo il nostro viaggio, lasciando sulla destra un sentiero ripido ma bello che ci & iacute porta, una di Bartolo. Andiamo pių a fondo tra fitta vegetazione e oacute; n in cui possiamo sentire la freschezza di atmosfera. La presenza di caprifoglio, edera e

A questo punto siamo in grado di vedere i diversi supporti & ntilde; come. A ovest, in iacute Lejan e, una, Penyagolosa (. 1.813 m) si alza. E di fronte a noi, il Barranco de Les Santes ci offre la visione & oacute; n una foresta in un buono stato di conservazione & oacute; n
. & Nbsp;
Ci sono numerosi animali che popolano queste terre jinetas, Gardu & ntilde; come, volpi, cinghiali & iacute; č, etc. Prueba di ciō sono le marche che troviamo per tutto il tour.
& Nbsp;
Questa sezione č un posto speciale per essere in & eacute; l diversi tipi di cisti, noto per la sua raritā
jara maschile. & Nbsp;
Dopo aver seguito il percorso su un tratto pianeggiante e dopo & eacute; s verso il basso, ha ottenuto in pista, che viene dal Bartolo, dove si gira a sinistra. La pista attraversa una foresta di pini che sta guadagnando in densitā e varietā di specie e dimensioni & ntilde; o. In canaloni m & aacute; s & iacute THRES, os, ci sono copie di lentisco e Madro & ntilde;. Os che possono superare i 5 metri di altezza
& Nbsp;
Seguendo il sentiero, si arriva al m & aacute; s profondo burrone dove tornare al Hermitage Les Santes, il punto di partenza del nostro viaggio. Attenzione & oacute; na le due enormi querce davanti alla cappella, sul lato opposto del burrone

.


La pobla Tornesa

Salire

Distanza: 10 Km.Dislivello 400 m. - Dislivello 400 m.Tempo: 02:30 h.
La pobla Tornesa

Questo percorso ha inizio presso il Centro, Information & oacute; n in un piccolo un percorso che č nel retro dell'edificio. La vegetazione & oacute; n che ci & ntilde č accompagnato; ando č essere regeneraci & oacute; n a causa di incendi STILL ultimi pochi (1985-1992): lentisco (Pistacea lentiscus) Madro & ntilde; os (Arbutus unedo), il rosmarino (Rosmarinus officinalis) , quercia spinosa (Quercus coccifera). Poi abbiamo trovato un testamento & ntilde; che indica che dobbiamo continuare la nostra strada verso sinistra, da qui & iacute; puō vedere est Castle & eacute Montorn; s X secolo, nel nord di La Vella Porter resti di un muro che, una volta chiuse le terre Carmelitani e HE Grau de Castell & oacute; n. Il sentiero ci mostra i diversi tipi di suoli che predominano nella zona di naturale, rodenos (arenaria rossa) e calcari (rocce calc & aacute; aree). Il carrubo (Ceratonia siliqua) e aree terrazzate mostrano che a un certo momento ANCORAerano aree coltivate. Siamo arrivati ??ad una pista che continuerā fino al Coll de la Mola (537 m).
& Nbsp;
Se continuiamo il nostro viaggio sullo stesso percorso, il paesaggio sta cambiando man mano che andiamo avanti, avanzare, prevalentemente pino (Pinus halepensis, Pinus pinaster). Da qui & iacute; Possiamo giā vedere La Pobla Tornesa ovest Bartolo NE e d & iacute; il pių chiaro massiccio Penyagolosa guardando verso il
NW. & Nbsp;
Come si scende, la vegetazione & oacute; n & aacute č molto m; s varia. Le gole sono molto h & uacute, Medi e offrono differenti linee mediterr & aacute specie come il caprifoglio (Lonicera implexa), edera (Hedera helix), rovere (Quercus ilex), l'erica (Erica multiflora, Erica arborea), quercia (Quercus faginea) adulti pini mostrano che questa faccia non ha subito incendi Spot da circa 30 fa un & ntilde; os. Questa varietā vegetale č un h & aacute; id habitat& Oacute; neo per gli uccelli, Pudi & eacute; osservare ndose diversi uccelli e mam & iacute; mammiferi come la currruca sarda (Sylvia melanocephala), Jay (Eurasian jay), conigli (Oryctolagus cuniculus) e la volpe (Vulpes vulpes)
. & Nbsp;
Alla fine del brano troviamo affioramenti di liste (Paleozoico 230 milioni di un & ntilde; os di antiquariato & uuml; etā). Una volta terminata la pista, girare a destra e pochi metri troviamo un t & uacute ;. Nel verso sinistra che porta alle stesse persone
& Nbsp;
Passeggiando per le sue strade č possibile visitare la chiesa del XVIII secolo, il Palazzo del Var & oacute; n, il forno, il diverso B (il primo risalente al XV secolo e il nuovo ostello che č attualmente la Caja Rural), Casa de la Vila ecc
& Nbsp;
Il ritorno che faremo la stessa strada per la quale siamo venuti.


Las Crestas

Salire

Distanza: 6 Km.Dislivello 350 m. - Dislivello 350 m.Tempo: 02:30 h.
Las Crestas

Il percorso inizia presso il Centro, Information & oacute; n, in un piccolo un percorso che č nel retro dell'edificio. La vegetazione & oacute; n & ntilde che ci ha accompagnato, č una t & iacute; & aacute picamente mediterr; nea: steppe (Cistus albidus, Cistus monspeliensis), il rosmarino (Rosmarinus officinalis), palme (Chamaerops humilis). Poi abbiamo trovato un testamento & ntilde; che indica che dobbiamo continuare la nostra strada verso sinistra, in direzione & oacute; n Tornesa Pobla, fino alla pista. In questa zona del parco naturale si possono vedere le aree terrazzate che una volta serv & iacute; n come zone di coltivazione dei contadini, anche & eacute; n iacute visto un po 'di pių e, come isolato ora disabitata. Abbiamo fatto il nostro modo attraverso il carattere de la Mola, lasciando una strada sterrata sulla destra che anche & eacute; n & iacute ci portano, al Bartolo. Una volta in Coll de la Mola puō vedere la costa Benics & aggravamento; SSIM e Grao Castell & oacute; vista su d & iacute; il pių chiaro aumentare la sua bellezza. Di nuovo in sella, sulla curva della pista, proseguire lungo un percorso a destra, inizierā & iacute; forte ascesa & oacute; n al Cantal Gros (698.7m sul livello del mare), una volta up puō prendere una pausa ben meritata. Tra rocce sciolte rodeno noi & ntilde accompagnato; di varie essenze arbustive come il cisto, erica, di palma ... Tutto il nostro modo di guardare individui adulti di pino marittimo (Pinus pinaster), muti testimoni che sono sopravvissuti l'incendio che ha distrutto parte della vegetazione & oacute; n questa sega.

specie differenti sono percepiti l & iacute; Queņes, buoni indicatori di buona qualitā dell'aria nella naturale respirare

.

Come il sentiero ci porta dalle parti m & aacute; s alta della montagna & ntilde; a č f & aacute; cil macchiato en comuni di rotta che circondano il parco naturale: ad ovest di La Pobla Tornesa e Borriol eCabanes nord. Mentre si avvicina la monumentale Croce Bartolo, la vegetazione & oacute; n suggerisce che Benics & aggravamento; ssim e Mediterráneo & aacute mare neo, e d & iacute; come quando le nuvole consentono si possono osservare le isole Columbretes (riserva naturale) .

Abbiamo avuto modo di attraversare Bartolo con il suo imponente di 18 metri di altezza, che si trova in uno dei punti M & aacute ;. S alto lo spazio naturale

Se andiamo un migliaio di metri lungo la pista, arrivare al punto di m & aacute; s viaggio in alto e intorno al parco, 729 m. Al picco, tra le antenne, si trova l'eremo di San Miguel.

Durante il viaggio potremo osservare diverse specie di uccelli come il CERN & iacute ;. Calos (Falco tinnunculus), corvi (Corbus corax), upupa (Upupa epops) e rondini (Hirundo rustica)

& decremento uacute viene effettuata, per la strada, lasciare la nostra strada giusta e continuerā descenciendo l'asfalto, fino ad un adicaci & oacute; n giallo per deviare noi & aacute; un percorso che arriva alla nostra destra.

Seguiremo le indicazioni della volontā & ntilde; ales giallo che ci porterā alle rovine di & ldquo; & rdquo;, Vella Porteria possiamo avvicinarci alla ricerca per ammirare il paesaggio. Si prosegue lungo il sentiero fino a raggiungere il centro, Information & oacute;. N, La fine di questo tour


Las Fuentes del Desert

Salire

Distanza: 7 Km.Dislivello 200 m. - Dislivello 200 m.Tempo: 03:00 h.
Las Fuentes del Desert

Per questo itinerario lascerā il veh & iacute; asino nel punto di vista di Sant Josep, per andare alla cappella e Font de Sant Josep. E 'questa fonte un luogo di sosta & quot; obbligatorio & quot; per il raffreddamento, porta ad un abancalada con zona acqua di sorgente naturale. Ci prenderemo un sentiero verso sinistra.
& Nbsp;
A pochi metri trova un santuario, di Montserrat, uno dei tanti santuari che costellano il & aacute; rea Frati Carmelitani. Vedremo un albero di pino con due rami ed č & ntilde; il che indica che dovremmo andare a sinistra. Siamo passati attraverso una zona di coltivazione di mandorle ora abbandonato, ea pochi metri ci siamo goduti recuperati e la vegetazione e oacute varie; n: querce (Quercus ilex), borrera steppa (Cistus salvifolius), kermesse (Quercus coccifera), lavanda (Lavandula stoechas) caprifoglio (Lonicera implexa).
& Nbsp;
Seguendo il sentiero siamo arrivati ??a una pianura popolata ginepro (Juniperus oxycedrus), dove se & ntilde; a destra indica il tipo di carattere intagliato: seguiamo direttamente al Pla de Muletes. A questo punto si prende una traccia verso sinistra, ed a pochi metri forchette, e continuammo il nostro modo gių per il sentiero a destra. Lungo la strada abbiamo trovato il Palomar Barrera; Questa iniziativa ha lo scopo di aiutare a prevenire da & ntilde; os che rapaci potrebbe comportare il piccione dai villaggi vicini a Superficie naturale. Siamo andati gių tutta la pista per trovare una volontā & ntilde; sul lato sinistro della strada, che prenderemo per raggiungere la Font de Roc. Č la primavera m & aacute; s puro e in una migliore conservazione & oacute; n per la campagna. DOPO & eacute; s per godere delle sue splendide acque Continuiamo il nostro viaggio attraverso un piccolo & ntilde; un sentiero che conduce al canyon strada asfaltata
Miravet. & Nbsp;
Prendiamo il sentiero a destra e 600 metri troviamo il carattere intagliato. La vegetazione & oacute; n che shmpa & ntilde; aa questa fonte indica l'umiditā in questo ambiente: il pioppo (Populus nigra) e olmo (Ulmus minor). Da questa fonte si puō godere della bellezza di Agulles Santa & Agrave; Gueda, Geol incidente & oacute; cal noto per la sua colorazione & oacute; n rossastro proprio Roden, e tenere le loro gonne popolazione TUNICA & oacute; n di quercia (Quercus suber) in questo spazio.
& Nbsp;
Trova un contenitore ed č & ntilde; che indica un ritorno alla Font de Sant Josep. Seguire il percorso di un sentiero lastricato che ha attraversato per riguadagnare il sentiero. Ci sono molti cespugli lė sulla collina: cisto, erica, coscojas ... che ci porterā alla biforcazione & oacute; n abbiamo visto in precedenza, ho trovato & aacute; ndonos uno č & ntilde; il legno indica che dobbiamo procedere sulla destra per raggiungere la Font de Sant Josep.


Les Santes

Salire

Distanza: 11 Km.Dislivello 450 m. - Dislivello 450 m.Tempo: 05:30 h.
Les Santes

Il percorso conduce dal Centro, Information & oacute; na Hermitage Les Santes (Cabanes) attraverso l'emblema & aacute; tico Bartolo. Il sentiero che parte da dietro & aacute; s Center, Information & oacute; n passa attraverso una fitta boscaglia in cui il cisto (Cistus monspeliensis, C. albidus, C. salvifolius) abbondano. A pochi metri girare a destra. Proseguire sulla strada per La Vella Porter, prima di raggiungere il muro, si gira a sinistra. Un sentiero di scale conduce ad una strada sterrata; continuare a sinistra fino a raggiungere una strada sterrata e seguire la strada a destra dove si vede la strada asfaltata che porta alla cima del Bartolo.
& Nbsp;
Da qui & iacute; n per la SW e NE Isole Columbrete, il Magistero di NO, la Sierra ESPAD & aacute domina. Salite una compensazione sotto le antenne, da dove una strada sulla sinistra. Inizia cosė un forte calo diuna pista circondata da arbusti tra i quali includono ginepro (Juniperus oxycedrus), diverse specie di cisto (Cistus albidus, Cistus monspeliensis ...), di palma (Chamaerops humilis), etc. e dove non č dif & iacute; facile osservare diversi uccelli della foresta
. & Nbsp;
A pochi metri della discesa la strada si biforca e anche quando entrambi i rami portano allo stesso posto, si consiglia la sinistra in quanto passa attraverso una fitta pineta di pino marittimo (Pinus pinaster) con un sacco di Madro & ntilde; os (Arbutus unedo), erica (Erica multiflora e Erica arborea), caprifoglio (Lonicera implexa), etc. ES & eacute; ste un luogo appropriato per osservare uccelli come fischi reali (Picus viridis), pettirossi (Erithacus rubecula), il colombaccio (Columbus palumbus) e quiz & aacute; s alg ANCORA Gavil & aacute; n (Accipiter nisus) o ALG & uacute; No Astore (Accipiter gentilis), tutte le specie arboree.
& Nbsp;
Questa pista scende verso il fondo del primo spazzataper co DOPO & eacute; s salire dolcemente per raggiungere una zattera che serve depressione. Andremo a sinistra lungo il sentiero che segue la curva di 650 m sul livello del mare. Presto vedremo i nostri imponenti scogliere a destra calc & aacute; detenuti il ??cui vertice ANCORA di rapa, i resti di un villaggio & aacute sono indovinati. Il sentiero conduce in direzione & oacute; n ovest per incontrare dejareuna curva a sinistra dove inizia la discesa verso Les Santes. La pista si snoda tra cespugli e rocce di penetrare una giovane pineta. Il pino sta guadagnando in densitā e varietā di specie e dimensioni & ntilde; o, fino alla m & aacute; s profondo burrone dove si trova la cappella
Les Santes. & Nbsp;
Continua il modo in cui la parte posteriore della cappella. UN PO 'ci porta a salire a un livello in cui si puō godere la grande pineta degli adulti attraverso gli spettacoli del canyon (Pinus pinaster). Presto vedremo alla nostra destrala vegetazione & oacute; n č sostituito da frutteti di mandorli e carrubi coltivate principalmente
. & Nbsp;
La pista continua punteggiato di querce e pini. Ben presto si arriva a una delle aree Geol & oacute; m & aacute cal; s interessante, con affioramenti di scisti paleozoici con m & aacute; s 230 milioni di un & ntilde; os. Arrivo a un passaggio dove si prende un sentiero a sinistra e tra i cespugli andiamo in pineta, a pochi metri vedrete un sentiero sulla destra che ci condurrā alla cima del Bartolo. L'ascensione & oacute; n č abbastanza difficile perché in pochi metri si sale ad un'altezza di 400 m circa. 700 m circa. ma č molto piacevole passeggiare a causa della varietā vegetale. Mentre si sale si puō godere la meravigliosa vista che ci dā MONTAGNA: La Pobla Tornesa a NO, il
nord Marmudella. & Nbsp;
Una volta arrivati ??alla dimensione m & aacute; s alta seguire la strada asfaltata fino alscender la strada sterrata. A pochi metri prendiamo una biforcazione & oacute; na mano sinistra


Scarica documenti



PDF         





© Entre Montaņas ©